COVER!

COVER!

giovedì 27 aprile 2017

CIAO, UCCELLINO FERITO

Ci abbiamo provato insieme, padre e figlia, a salvare quel povero uccellino ferito che respirava ancora, disteso sull'asfalto nei pressi di una macchina in sosta. Avevo capito subito che la situazione era disperata, troppe le ferite sul corpicino stanco, ma la Martina mi aveva pregato di provare a fare qualcosa ed anch'io non avevo nessuna voglia di lasciarlo morire senza provare qualcosa. Lo abbiamo raccolto da terra e portato via dentro una scatola di cartone e poi, arrivati a casa, abbiamo provato a somministrargli un pochino d'acqua con una siringa. Purtroppo non è servito a molto... Ciao, uccellino sfortunato....





RITRATTO DI FAMIGLIA

Un primo ritratto di famiglia allargata, con le mie figlie ed il figlio della mia attuale compagna.


LA COSCIENZA DI UN PADRE

Una delle certezze della vita è che i momenti più belli, quegli archi temporali più abbaglianti e densi di intensa felicità, abbiano la tendenza a trascorrere in maniera troppo veloce rispetto agli altri infiniti istanti della propria esistenza.
Fare le coccole a mia figlia Martina (mentre la più grande ovviamente se ne stava fisiologicamente in disparte in ragione della propria adolescenza) mi manca adesso in maniera che non si può quantificare nè con strumenti di misura nè con le parole.
Ogni volta che le devo riportare indietro verso la Toscana, mi sento morire una parte del cuore, una sensazione dannatamente brutta.
Il fatto è che un padre ha bisogno di sentirsi utile per le proprie figlie: ne va della propria coscienza, che critica aspramente ogni omissione o negligenza più di chiunque altro al di fuori di noi stessi, nel resto del mondo.
Ma soprattutto, non c' è amore più grande di quello infinito nei confronti dei propri figli.





mercoledì 26 aprile 2017

ASSENZA FORZATA

Nei giorni scorsi sono stato un po' assente dal mio blog per via dell' arrivo delle mie figlie, che mi hanno tenuto compagnia quassù a Osnago per qualche giorno, prima di tornarsene a casa in Toscana.
Tante le cose da raccontare, e nei prossimi giorni ne parleremo!



giovedì 20 aprile 2017

COLLEZIONISMO, PASSIONE E VETRINE

Non sono mai stato un appassionato di geologia e di raccolte di minerali o rocce di qualsiasi tipo, ma una vetrina del genere, così ricca e così ben tenuta sotto ogni punto di vista, non può che meritare tutta la mia infinita ammirazione. Anche se avesse custodito tappini di bottiglia o qualsiasi altro oggetto.



mercoledì 19 aprile 2017

UNO STRAORDINARIO MAESTRO

Nei giorni scorsi, in occasione delle festività pasquali, ho avuto il privilegio ed il piacere di conoscere alcuni amici di famiglia dei genitori della mia compagna e, oltre a godere dei sapori della tavola offerti dai nostri ospiti, ho avuto modo di ammirare la straordinaria bravura artigianale e le mani d' oro (tale definizione fu mai così appropriata) del padrone di casa, il sig. Gualtiero.
Con la sua straordinaria abilità manuale nella lavorazione del metallo e del legno, oltre che nel campo della muratura, ha creato dal niente mobili ed accessori, creazioni artistiche e mille altre gioie per gli occhi.
Nell' infinità del suo fantastico repertorio, non posso che soffermarmi sulla sua straordinaria cassetta postale, da lui costruita completamente con fogli di lamiera saldati sapientemente fino a formare la bellissima sagoma di una .... villetta in miniatura!
Ovviamente non mi sono lasciato sfuggire l' occasione per farmi spiegare alcune tecniche di lavorazione ed altri utili trucchi che possono essere utili anche a me.
La notevole botta di culo da parte mia è stata duplice, in quanto sono riuscito anche a usare questo meraviglioso scenario artigianale per fare delle foto bellissime con i giocattoli, ovvero i miei soldatini customizzati (modificati e riverniciati sulla base degli originali) per ricostruire e simulare scenari realistici... Uno spettacolo!




























UNA SFUGGENTE PERCEZIONE POSITIVA

Non conosco ancora Lecco, intesa come centro città, abitando qua da poco meno di un anno. Non ho avuto ancora il tempo di visitarne le vie principali ed i posti più significativi.
La mancanza di lavoro - a dispetto dei miei inenarrabili sforzi di trovare un' occupazione onesta e decente da queste parti - mi restituisce la sensazione di trovarmi come se fossi un soldato dietro le linee nemiche, costretto a sopravvivere in situazioni particolarmente stressanti.
Tuttavia, la vista sfuggente di uno scorcio panoramico del Lago di Lecco mi regala ancora un soffio di speranza positiva nel cuore. Buongiorno a tutti.